martedì 1 marzo 2016

QUALE FUTURO AL DI QUA DELLA FERROVIA? REPORT DELL'INCONTRO

Venerdì 19 febbraio allo Spazio Lambrate si è tenuto l’incontro pubblico “Al di qua della ferrovia”, un convegno organizzato da ViviLambrate per fare chiarezza sulle trasformazioni urbanistiche in programma nei prossimi anni nei quartieri di Lambrate e Rubattino. All’incontro, davanti a una folta platea, sono intervenuti Gabriele Mariani (Presidente della Commissione Urbanistica di Zona 3), Piero Nobile (Ricercatore PIM - Centro Studi Programmazione Intercomunale dell’area Metropolitana) e Gianni Dapri (Associazione Grande Parco Forlanini).

Helga Sirchia, del Coordinamento del gruppo ViviLambrate, ci ha gentilmente inviato un report dell’incontro (a cui noi non abbiamo assistito) ponendo l’attenzione sulla riqualificazione di piazza Rimembranze di Lambrate, progetto che ha curato personalmente insieme al team di Made in Lambrate e che oggi è sostenuto da ViviLambrate.

PREMESSA – Le trasformazioni urbanistiche di cui si è parlato durante l’incontro si circoscrivono entro il quadrilatero compreso fra via Rombon a nord, via Corelli a sud, la cinta ferroviaria e il confine con Segrate, che forma i quartieri di Lambrate, Rubattino e Ortica. Una zona residenziale con oltre 10 mila abitanti, molte aree industriali dismesse, uno scalo ferroviario e una caserma militare da riqualificare.

PIAZZA RIMEMBRANZE DI LAMBRATE – Come anticipato, un tema caldo dell’incontro “Al di qua della Ferrovia” è stato quello della riqualificazione di piazza delle Rimembranze di Lambrate. Su questo tema insieme ad Helga Sirchia è intervenuto l’architetto Mariano Pichler, Presidente di Made in Lambrate, che ha illustrato (insieme all'arch. Claudio Larcher) il progetto urbanistico originale in un una prospettiva di trasformazione del luogo (oggi un non-luogo) in piazza quindi spazio aperto e vivibile dalla cittadinanza. Helga Sirchia, che ha curato la prospettiva sociale del progetto, ha invece focalizzato l'attenzione sulla visione della piazza come agorà e punto di riferimento per il quartiere, dove i bisogni dei cittadini vanno dalla semplice aggregazione spontanea alla risposta di istanze specifiche.

COME CAMBIERÀ PIAZZA RIMEMBRANZE DI LAMBRATE – La prima parte dell'intervento  ha spiegato Pichler  prevede la ridefinizione e l'ampliamento degli spazi agibili ai cittadini, con l'abbattimento della balaustra interna e la creazione di una pavimentazione omogena, con un intervento che non intaccherà il patrimonio verde della piazza e in particolare gli alberi secolari. In una seconda e conseguente fase saranno inseriti nella piazza uno o due elementi di presidio social, attraverso l’installazione di uno/due volumi multi-funzionali, casette probabilmente in legno, dove progressivamente saranno attivati servizi e proposte culturali, sociali e aggregative”.

“Il progetto – precisa Helga – è stato condiviso nei principi con il Comune di Milano e definito nei dettagli esecutivi con l'Assessorato all'urbanistica e l'Assessorato al verde. Il ruolo di ViviLambrate insieme a Made in Lambrate sarà quello di facilitatore e attivatore delle risorse locali, intese come enti pubblici e privati, associazioni e scuole, ma anche i residenti che saranno coinvolti attivamente nella costruzione di un sistema partecipato di gestione delle attività”. Per quanto riguarda i tempi di realizzazione, Pichler ha dichiarato che i rilievi tecnici sono già stati fatti e l'ipotesi del Comune è che i lavori poossano partire in primavera.

GLI ALTRI TEMI: SCALO FERROVIARIO, CASERMA, PRU RUBATTINO – Per approfondire il tema della riqualificazione di scalo ferroviario, caserma e PRU Rubattino ci affidiamo all’intervento di Gabriele Mariani, Presidente della Commissione Urbanistica di Zona 3, che ha sintetizzato i suoi spunti in questo interessante articolo www.faper3.com/Al-di-qua-della-ferrovia-i-numeri-di-un-futuro-impossibile/.

“Sono attualmente previste 7 grandi trasformazioni urbanistiche che interesseranno 653.000 m² di suolo urbano sul quale si realizzeranno 440.000 m² di abitazioni ad altre attività – scrive Gabriele Mariani – Due trasformazioni di natura diciamo “pubblica” (Scalo Ferroviario e Caserma) prevedono 93.000 m² di abitazioni e altre funzioni; il loro futuro potrebbe però ancora essere riscritto dipendendo la loro trasformazione da specifici accordi fra Comune di Milano e proprietà (FS e Demanio). Cinque  trasformazioni di natura privata prevedono 347.000 m² di abitazioni ed altre funzioni”.

Fra queste la più importante è il Programma di Riqualificazione Urbana (PRU) Rubattino fase 2, eredità della giunta Moratti, che ha visto in questo quinquennio i proprietari (e le banche dietro di essi) non avviare l’operazione e non adempiere ai propri obblighi. Su questo tema il pubblico intervenuto all’incontro ha sottolineato l'urgenza di una risoluzione al grave problema della mancanza di scuole primarie e medie previste nel Piano.

“Se si realizzerà tutto ciò che è attualmente previsto (fra teorici Accordi di Programma, PII, PRU e PGT) – conclude Mariani – si insedieranno qui circa 6/8 mila nuovi abitanti e 4 mila city users, quasi un raddoppio della popolazione attuale: più case e più funzioni significherà anche più spostamenti”.

COSA NE PENSIAMO – La morfologia del quartiere nei prossimi 10/15/20 anni (è difficile stimare i tempi) potrebbe mutare sensibilmente. Come sottolinea Mariani, ospitare 6/8 mila abitanti in più significa dover garantire anche più servizi e infrastrutture e la cintura ferroviaria rappresenta sempre più un ostacolo a un coerente sviluppo. Come cambierà dunque Lambrate? Difficile da dire in questa fase e ammettiamo che i grandi numeri un po’ ci spaventano…Quello che ci auguriamo è che tutte le decisioni a livello politico vengano prese ascoltando e rispettando le esigenze degli attuali cittadini, in totale trasparenza e in un’ottica di migliorare la vivibilità del quartiere (che fra le righe significa più verde e meno cementificazione/edificazione a soli fini speculativi). Questo è il commento della redazione di Lambrate On Air, non dev'essere attribuito a ViviLambrate o alle persone citate nell'articolo.

ViviLambrate ha chiuso i lavori annunciando che fra un mese organizzerà una vera e propria assemblea dei cittadini con l'intento di proseguire il servizio d'informazione avviato e continuare un percorso di dialogo e confronto.

Per seguire l’attività di ViviLambrate e Made in Lambrate vi rimandiamo alle pagine Facebook e al sito web.

Nessun commento:

Posta un commento