lunedì 13 febbraio 2012

ZONA RUBATTINO: UOMO TROVATO MORTO IN MACCHINA

Oggi pomeriggio, poco dopo le 15, è stato ritrovato il cadavere di un uomo che giaceva sul sedile posteriore di una Ford Fusion parcheggiata in via Casasco (piccola viuzza isolata nei pressi di via Pitteri). Gli agenti della polizia ferroviaria hanno trovato il corpo in un lago di sangue, legato e con ferite profonde, provocate probabilmente dalla lama di un coltello, all’altezza della gola. Gli accertamenti hanno portato le indagini a dare un nome alla vittima: è Cesare Mori, un pensionato di 67 anni, residente in via Pordenone.
La notizia del macabro delitto ci giunge dopo quella, altrettanto cruenta, della sparatoria al parco Lambro. http://lambrateonair.blogspot.com/2012/02/parco-lambro-in-un-inseguimento-vigile.html
Seguiranno polemiche sulla questione-sicurezza e strumentalizzazioni politiche; già l’ex vice-sindaco De Corato è sul piede di guerra e poche ore fa ha dichiarato: «Queste aggressioni sono possibili perché Pisapia e l'assessore alla Sicurezza Marco Granelli hanno disattivato quella rete di sicurezza composta da militari, polizia e carabinieri, dai volontari della sicurezza, tutti smantellati dall'attuale giunta».
Il mio parere è che personaggi politici di un certo peso dovrebbero astenersi dal fomentare inutili e sterili polemiche, prendendo spunto da episodi così tragici. Le forze di polizia (municipali e non) sono sufficientemente presenti nel territorio (anche se, a buon ragione, spesso lamentano mancanza di risorse). Episodi come quelli di oggi possono verificarsi purtroppo in un lavoro potenzialmente pericoloso com’è quello del poliziotto. L’importante è non demonizzare nessuno
e non strumentalizzare gli episodi singoli. La magistratura esaminerà il caso per stabilire eventuali responsabilità. L’agente della polizia municipale, che ha sparato e colpito a morte il ragazzo cileno durante la sparatoria al parco Lambro, è infatti indagato per “eccesso colposo di legittima difesa”.

di Bruno Grande

10 commenti:

  1. L'agente di polizia municipale però è quello dell'altro articolo...

    RispondiElimina
  2. Sì, precisazione corretta. Ho fatto una piccola aggiunta a proposito perchè effettivamente non era chiaro. Grazie x la segnalazione!

    RispondiElimina
  3. Non"possono verificarsi episodi come questo"! Marcelo Valentino Gomez Cortes è un morto ammazzato, i morti ammazzati non "possono verificarsi"!visto che da quello che si è scoperto era disarmato e stava solo scappando! anche se aveva "picoli precedenti penali" la sostanza non cambia,è sempre un morto ammazzato! Da quello che ho saputo Alessandro Mangoni,indagato per omicidio volontario, amava farsi ritrarre su facebook con un mitragliatore in mano, ma soprattutto faceva parte faceva parte di quei nuclei speciali, ancora operativi (come mai??), creati dall'ex vice sindaco De Corato,che farebbe meglio a tacere, usati per rastrellamenti contro rom e abusivi.Bisognerebbe cominciare a guardare dentro la polizia italiana e milano potrebbe dare il buon esempio. La condanna per Luigi Spaccarotella per omicidio volontario con dolo ai danni di Gabriele Sandri, tifoso della lazio, va in questa direzione, speriamo si continui! Dispiace poi che la giunta e Pisapia in testa si siano limitati a una frase di rito,dicendo che aspettano il risultato delle indagini, quando giustamente per il povero vigile Niccolo Savarino ammazzato un mese fa da un altro criminale si era dichiarato disponibile ad assistere legalmente la famigli della vittima. Dispiace ancora di piu' che a nessun milanese è passato per la testa di portare un mazzo di fiori nel luogo del delitto.. l'ultimo pensiero va alla sua compagna e ai suoi due bambini piccoli,uno do 5 e uno di 7 anni!
    Teo

    RispondiElimina
  4. correggo:il vigile indagato per omicidio si chiama Alessandro Amigoni e non Mangoni!

    RispondiElimina
  5. Sì caro Teo, effettivamente la dinamica del fatto ora è più chiara e i colleghi del poliziotto hanno smentito la versione dei fatti di Amigoni (x fortuna evidentemente almeno non vige un clima troppo omertoso nell'ambiente). I ragazzi cileni erano disarmati ed è stato un omicidio colposo. Noi abbiamo riportato nell'articolo sulla vicenda la versione della Polizia Locale (che immagino si fondava su quella di Amigoni). A mio parere è giusto che chi si assume una così grande responsabilità (quella di impugnare un'arma e sparare, indossando una divisa ufficiale e quindi rappresentando in quel momento lo Stato) abbia un trattamento giudiziario esemplare, perchè non si ripeta mai più una tragedia come questa. Putroppo però come ho detto nell'articolo (usando il termine in senso letterale) queste cose "possono" succedere e succedono, e purtroppo non solo nel nostro paese. Concordo a pieno con te nel pensiero finale.

    RispondiElimina
  6. Pare che il comune sosterrà la famiglia in Italia e l'aiuterà nel trasporto della salma al paese d'origine dove verrà sepolta.
    Sembra anche che alcune persone giusto ieri abbiano rapinato il furgone dell'avvocato di Amigoni, che, insieme all'esperto balistico , si erano recati sulla scena della sparatoria. I delinquenti hanno rubato effetti personali, documenti e attrezzature per i rilevamenti balistici. Mi chiedo...un atto stupido e improvvisato oppure un tentativo di nascondere qualcosa? a vantaggio di chi?

    R.Melocchi

    RispondiElimina
  7. Un giallo su cui indagare...le cose potrebbero essere più ampie di quello che vogliono farci credere! ad esempio io non ho capito se i due ragazzi che i vigili hanno intercettato in macchina erano coinvolti nella rissa precedente o se si allontanavano velocemente dalla zona per altri motivi...
    C.M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. indaghero' sul mistero..cmq la stortia italiana ci insegna che le indagini che riguardano i poliziotti non sono mai molto lineari! staremo a vedere..in effeti,per rispondere a bruno, non ho pensato che quando l'articolo è stato scritto non si sapeva niente oltre la versione del capo della polizia locale,che secondo me dopo una balla del genere si portrebbe anche dimettere! invito cmq a diffidare delle versioni dei vari capi di polizia..:-)! o meglio aspettare delle conferme!! spero solo che i vigili tornino a fare "ghisa" (non hanno bisogno di armi per farlo),come poraltro se non ricordo male aveva detto Pisapia in campagna elettorale..perchè di ghisa una città come milano ne ha bisogno!
      speriamo che si faccia presto verità e giustizia!
      Teo

      Elimina
  8. http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/12_aprile_13/vigili-rambo-sciolto-nucleo-operativo-duomo-centro-2004057309534.shtml

    RispondiElimina
  9. http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/12_giugno_5/cileno-ucciso-processo-omicidio-volontario-201475115379.shtml

    RispondiElimina