martedì 14 febbraio 2012

MISTERO IN VIA VALLAZZE

Sono le 24.00 e, assieme alla mia ragazza, ci apprestiamo a scendere nel box per prendere l’auto. Quando passo davanti al cortile di casa, però, vengo distratto da una figura insolita. Un poliziotto, infatti, aiutandosi con un bidone dell’immondizia, cerca di raggiungere la finestrella del primo piano. L’appartamento è di proprietà del Bar Giulia, un bar – tavola fredda aperto da poco e gestito da una famiglia cinese. Proseguo incuriosito e raggiungo il retro del palazzo, dall’altra parte dell’edificio. Nel piazzale, un altro poliziotto tiene in mano una torcia e chiama il suo collega. “Luigi…vieni qua!”. Il primo poliziotto raggiunge l’altro sul retro e insieme entrano in una porticina nera, che il Bar Giulia usa come porta d’emergenza. I due spariscono nell’edificio. E’ tardi e devo accompagnare la mia ragazza a casa. Uscendo dal box noto la volante della polizia ferma in doppia fila. Cerco di andare più velocemente possibile a casa della mia ragazza e tornare indietro, sono davvero curioso. Al mio ritorno la volante è sparita e le vetrine del Bar Giulia sono illuminate. Mi affaccio per vedere se i poliziotti sono ancora lì. Nessuna divisa, ma Giulia, la proprietaria di origine cinese (il nome è una traduzione approssimata), è insieme ad un altro uomo vestito di nero. Sembrano molto agitati e insieme controllano la finestra che dà sul cortile, la stessa che attirava l’interesse del poliziotto un’oretta prima. Incuriosito torno a casa.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Il giorno dopo, da fonti attendibili, scopro che è la seconda volta che un ladro si introduce attraverso la finestra del cortile, aiutandosi con un bidone dell’immondizia e tenta di rubare il contenuto della slot machine presente nel piccolo bar.
L’episodio non è dell’entità di altri fattacci recentemente accaduti nella zona, ma rappresenta un altro tassello che si inserisce nel triste puzzle di criminalità che si sta formando a Lambrate. Si va dalla microcriminalità e ladruncoli fino ad organizzazioni mafiose. Spero che non ci si perda troppo in controversie politiche e ideologiche e che si intervenga presto e nel migliore dei modi per garantire la sicurezza e la libertà di tutti.

Testimonianza di R.Melocchi

Nessun commento:

Posta un commento