venerdì 16 dicembre 2011

RECORD: TRAFFICO

Salgo in macchina, accendo il motore, esco dallo scomodo parcheggio che ho trovato la sera prima in una delle tante viette che collegano via Vallazze con via Pacini e mi dirigo verso Nord.
Ho appena svoltato nella via parallela a Vallazze e ora, dopo appena 3 minuti dalla partenza e poco più di 100 metri percorsi, la mia corsa è già terminata. Sono arrivato in via Porpora. Sulla destra una pila di auto parcheggiate e subito affiancate da altre in “doppia fila”. L’autobus 81 non sa dove fermarsi per far scendere i passeggeri e arranca pesante rallentando il traffico. Alcuni ragazzi in bicicletta fanno lo slalom tra le tante macchine che, lontano dalla zona ecologica, iniettano fumo nero nel cielo già grigio di Milano e si impilano in due colonne a seconda che si debba svoltare in Piazza Gobetti o proseguire sotto il cavalcavia. Dal punto in cui mi trovo ci vorrebbero una trentina di secondi per raggiungere il cavalcavia, ma so già che ci metterò almeno sette minuti.

Questa è la realtà di via Porpora, la terza via più trafficata di Milano secondo la recente classifica dell’Osservatorio Tom Tom (termometro dello stress al volante). La situazione era notevolmente peggiore qualche mese fa, quando, a causa di lavori in via Teodosio, il traffico di tre differenti vie confluiva tutto in via Porpora e i semafori spenti non miglioravano la situazione. Oggi i lavori sono finiti, ma il futuro del traffico di via Porpora non è roseo. Quando riaprirà il raccordo della tangenziale all’altezza di Lambrate, ora chiuso per lavori, via Porpora sarà l’unica via che dalla città porterà verso l’ingresso in tangenziale. Ne vedremo delle belle!

1 commento:

  1. C'è l'attenuante che è il penultimo venerdì prima di Natale e che c'è lo sciopero dell'ATM!

    RispondiElimina