mercoledì 28 dicembre 2011

CHE FINE HANNO FATTO I RAUDI??

Mi chiedo se ve ne siate accorti anche voi, lettori lambratesi e non; ho avuto l'impressione che da qualche anno a questa parte quel roboante “fenomeno” del lancio di petardi per le strade, abbia avuto un notevole declino di partecipazione. Insomma meno bombardamenti pre-UltimoDellAnno per le strade, meno ciccioli, miniciccioli, superciccioli, meno magnum e razzetti variopinti; anche i folkloristici nomi dei fuochi d'artificio sequestrati nel napoletano non han più la potenza mediatica di un tempo. Vorrei ricordare a riguardo i vari: “U' BIN LADEN” “LA BOMBA DI MARADONA” “IL TARICONE” “LA CAPATA DI ZIDANE” (piccolo ricordo del Mondiale 2006), contro un modesto repertorio 2011 fatto di “O' SPREAD” “IL MARIO MONTI” “LA BOMBA DI CAVANI” e “LA CAPA DI LAVEZZI” sull'onda dei successi sportivi della squadra di calcio partenopea.
Che sia passata la moda? A dir la verità, per quanto mi riguarda, non sono mai stato un appassionato del genere, ma mi scopro un po' malinconico nel fare queste osservazioni. Forse sento già un po' la mancanza di quei botti, scoppi, fischi, di quelle fiammelle e scintille che danno colore e un po' di vita a notti troppo spesso buie e silenziose. Ogni moda è passeggera e anche questa (avremo chi ne gioirà e chi se ne dispiacerà) mi sembra stia perdendo pian piano il suo vigore.
Il perché? Forse perché ormai, al giorno d'oggi, non ci si stupisce più di nulla; ho visto un film in HD, uno in 3D, ora esistono anche in 4D...siamo bombardati di effetti speciali in tutte le salse e con tutti i mezzi possibili. Non c'è più molto spazio per la fantasia e per la sorpresa di fronte alle semplici cose, come un pizzico di polvere da sparo e una scintilla, che a me facevan sempre un certo effetto.

5 commenti:

  1. UN BUON CAPODANNO A TUTTI!! ...E FATEVI SENTIRE!! ;) - La Redazione -

    RispondiElimina
  2. Sinceramente non posso che essere contento della diminuzione del fenomeno!!
    1) Meno inquinamento, ebbene sì anche i petardi aumentano le polveri sottili...e non di poco! Basta guardare i livelli registrati dalle centraline ARPA ogni primo dell'anno!
    2) Meno rischi, troppo persone incominciano il nuovo anno con qualche dito in meno.
    3) Anche se forse è quello che mi interessa meno, ma anche gli animali soffriranno e avranno meno paura per i botti.

    RispondiElimina
  3. Io sinceramente non vedo tutto sto cambio di rotta...forse Cavani non è all'altezza di Maradona, ma immagino che la BOMBA DI CAVANI sia tanto esplosiva quanto la BOMBA DI MARADONA o forse anche di più.
    Ad ogni modo bisognerà aspettare la fatidica notte del 31 per avere certezze. Se, come dice l'articolo, il fenomeno fosse davvero sceso sarei contento come "Albo"...non è sta gran figata rimetterci mani e polmoni per sentire un botto!

    RispondiElimina
  4. Giusto per la cronaca, era da dieci anni che a milano i feriti a causa di petardi e quant'altro non erano numerosi come quest'anno! ;)

    RispondiElimina
  5. Si ringrazia come sempre tutti per i commenti, che riconosco lucidi e costruttivi.
    In ogni caso tengo a sottolineare che l'articolo in questione ha un'evidente profilo ironico riguardo soprattutto l'aspetto mediatico della questione (è in questo senso, come tra l'altro è specificato nel testo, il paragone tra i fuochi d'artificio napoletani versione 2010-2011, assolutamente non allo scopo di dichiarare minore il grado di pericolosità di questi ordigni).
    L'articolo (liberi tutti di avere opinione negativa) è nato da una semplice constatazione/osservazione (mia, ma non solo) sulla quantità di botti percepita nella fase "PRE-ULTIMO DELL'ANNO" (cito dal testo) che mi sembrava inferiore al solito. Un'osservazione che ritengo semplice e priva di allusioni agli incidenti come quelli da voi citati (che comunque certamente riguardano il fenomeno "petardi).
    Lungi da me l'abbassare l'attenzione sul fenomeno degli incidenti, sulla pericolosità e sul danno x gli animali domestici (anche io ho un cane). La parte finale dove esprimo un po' di "malinconia" mi riferisco a "scintille e fiammelle" che secondo me davano un po di colore e vivacità alle strade e ora se ne vedono di meno. E su questo (cito ancora) "Avremo chi ne gioirà e chi se ne dispiacerà".
    Piena ragione invece sull'aspetto dell'inquinamento (sottolineato dal "primo Anonimo") sul quale non ero ben informato. Concordo con te.

    Ringrazio ancora x i commenti,
    B.G.

    RispondiElimina